pubblicata da Elena Giordano il giorno Venerdì 17 giugno 2011 alle ore 15.01 ·

L’avocazione e’ una ”sciocchezza”, il ricorso per Cassazione ”impossibile”. Dimissioni o ricorso al Tar le armi in mano ai sostituti catanesi esautorati dal procuratore Patane’. Parla il pm vicentino Antonino Fanara.

di Elena Giordano

‘’Metti, una sera a cena’’ in un ristorante catanese e un incontro casuale con il sostituto procuratore Antonino Fanara, titolare, fino alla scorsa settimana, dell’inchiesta Iblis nei confronti, tra gli altri, dei fratelli Angelo e Raffaele Lombardo, la cui posizione e’ stata stralciata. Dopo il provvedimento del procuratore facente funzioni Michelangelo Patane’ che avrebbe avocato l’inchiesta, stralciando la posizione dei due fratelli, sono circolate varie indiscrezioni sulla strategia di una procura, che nonostante le assicurazioni che giungono da piu’ parti, appare all’esterno profondamente divisa sulle decisioni adottate.

Incrociando dopo cena il magistrato, tra una sigaretta e l’altra, gli abbiamo chiesto di rispondere a qualche domanda, per chiarire all’opinione pubblica le prossime mosse dell’ufficio del pm in un’inchiesta delicata che coinvolge il governatore della Sicilia e, conseguentemente, si ripercuote sull’intera attivita’ politica siciliana.

Dottore Fanara, dopo l’avocazione dell’inchiesta Iblis, si prospetta un ricorso in Cassazione?

Guardi questa è una sciocchezza perché non si tratta di “avocazione”, come è stato scritto più volte, ma di “revoca delle deleghe”, ipotesi prevista dal nuovo Ordinamento giudiziario. Si dimentica che la legge prevede che il procuratore capo abbia discrezionalità nella assegnazione o nel ritiro delle deleghe ai Pm sulle varie inchieste e, dunque, non esiste possibilità di ricorrere in Cassazione. Semmai, trattandosi di un provvedimento amministrativo interno, sarebbe competente il Tar.

– – Nessuna avocazione, dunque, e nessun ricorso in Cassazione. Che cosa farete, allora, lei e i suoi colleghi, un ricorso al Tar?

Lo stiamo valutando, lo decideremo a giorni, le ipotesi non sono molte…

Si prospettano dimissioni?

Su questo non posso rispondere

Se vi offrissero di riprendervi l’inchiesta, continuereste a condurla?

Anche questo è da valutare, potrebbero chiedercelo, ma non credo che io, la dottoressa Boscarino, il dott. Gennaro e la dott.ssa Santonocito ci troveremmo tutti d’accordo nell’accettare l’offerta.

Secondo lei lo stralcio delle posizioni del Governatore Lombardo e del fratello Angelo anticipa una richiesta di archiviazione?

– A occhio e croce questa sembra la strada, vediamo cosa dirà il Gip

Si e’ parlato anche dell’invio di ispettori del Ministero…

Non ne so nulla, certo e’ una cosa che potrebbe accadere, ma anche se fosse così non sposterebbe nulla. Vede, in quel caso la vicenda si trasferirebbe su un piano meramente politico e noi magistrati non siamo interessati a questo aspetto.

Grazie dottor Fanara, e buon lavoro.

 

Annunci